La Società Umanitaria di Alghero ha organizzato un percorso alla scoperta dei mestieri del cinema, con inizio giovedì 20 GIUGNO 2013 e che si è protratto fino a dicembre. L'iniziativa organizzata in sei cicli (sceneggiatura, regia e fotografia, recitazione, montaggio, suono, produzione), ciascuno dei quali prevede tre appuntamenti: una proiezione, una lezione aperta e un'attività formativa. 

Leggi tutto...

Gli anni Settanta tra cinema, fumetto, canzoni e mass media

Gli Anni Settanta, i cosiddetti Anni di Piombo, sono stati gli anni del “terrorismo di sinistra”, dell’”eversione di destra” dello “Stragismo di Stato”. Ma sono anche gli anni delle radio libere, dei cantautori, del cinema civile, della controcultura. Alla cupa cappa della paura si accompagna una straordinaria stagione di creatività.

Leggi tutto...

Tre masterclass di tre giorni con tre eccellenze del cinema italiano, a Villa Gioiosa, nel Parco Naturale di Porto Conte, inserite nella quarta edizione di Cinema delle terre del mare, la rassegna itinerante per cinefili in movimento della Società Umanitaria di Alghero, e organizzate in collaborazione con Il Monello Film. 

Leggi tutto...

La sceneggiatura, la musica per il cinema e l’animazione stop motion sono gli argomenti di Dietro lo Schermo, due seminari e un workshop organizzati dalla Società Umanitaria di Alghero tra febbraio e maggio 2016.

Leggi tutto...

Il 20 Marzo presso la scuola media Maria Carta (IC N°2) di Alghero comincia Generiamo Parità, laboratorio di analisi cinematografica sugli stereotipi di genere, dedicato alle classi terze. Il laboratorio prevede sei appuntamenti durante i quali i ragazzi, guidati dagli operatori del Centro di Alghero, vedranno insieme un film inerente alla tematica proposta e, dopo la visione, svolgeranno delle attività di “smontaggio” e analisi del film.

Il progetto, oltre gli appuntamenti con i ragazzi, prevede anche un appuntamento dedicato ai genitori dei bambini della scuola primaria, in cui gli operatori proporranno la visione e la discussione di un film, al fine di coinvolgere anche gli adulti nella battaglia contro gli stereotipi di genere e per far vedere loro il lavoro che si svolgerà in classe l’anno prossimo, quando i bambini andranno in prima media.