Dal Profondo dell'anima

Se l’obiettivo nel riqualificare gli spazi dell’Ex-Direzione è soprattutto quello rilanciare il ruolo di una struttura ricca di memoria in un contesto sociale e culturale radicalmente mutato, i lavori di Virginia, così capaci di tenere insieme le ragioni dell’arte e quelle della storia, danno il senso di questa trasformazione, riassumendo sia il sentimento di appartenenza al luogo, sia la volontà di staccarsi dal passato per progettare il futuro.
A conclusione, il dibattito “Radici e identità nell'era globale” ha inteso affrontare uno dei problemi centrali nella ricerca estetica dei nostri giorni: il rapporto tra la componente locale e quella globale della cultura contemporanea. Se la dimensione globale è infatti per molti versi imprescindibile nella realtà del XXI secolo, la necessità di conservare le radici dei luoghi in cui le diverse esperienze prendono forma è tuttavia un aspetto che è andato accentuandosi negli ultimi decenni, fino a creare una sorta di contraddizione tra l'apparente universalità degli intenti e la tendenziale specificità dei risultati.
Relatori: Angelo Liberati, Gino Melchiorre, Sonia Borsato, Francesco Peddoni, Alberto Marci
Moderatore: Gianni Murtas
Virginia Siddi
Nasce a Portoscuso nel 1959. Negli anni Settanta frequenta il Liceo Artistico di Cagliari, conseguendo il diploma nel 1978. Dopo le prime esperienze figurative, negli anni Novanta approda ad una astrazione geometrica che dalle radici concretiste evolve rapidamente verso soluzioni di minimalismo oggettuale. A partire dal decennio successivo la sua ricerca si trasforma, ridimensionando l’impronta razionalista in favore di connotazioni più intime e introspettive del dipingere. I lavori, affidati ad una esecuzione curatissima, ricercano profonde empatie con i materiali impiegati e tendono a sublimare gli spunti esistenziali nei processi artigianali del fare. Gli esiti recenti, sempre più caratterizzati dall’impiego di materie ricche di memoria (carbone, terre, rocce), ma spesso estranee alla consuetudine dell’arte, si muovono tra l’impronta sperimentale della tecnica e le suggestioni evocative dei rimandi simbolici, dando corpo ad una ricerca che oscilla tra il piano sostanzialmente oggettivo dei linguaggi e quello prevalentemente soggettivo delle emozioni. Vive e lavora a Carbonia.