Volcano

In un lavoro che passa dalla Pop Art al Graffittismo, dalle contaminazioni del Neoinformale alle sintesi fumettistiche, di volta in volta aggiungendo elementi, spostando segni e materie da un'opera all'altra, l'artista, in un procedimento sincretistico, omaggia i suoi Maestri rielaborandoli all'interno del suo vissuto.

In occasione dell’esposizione, con la collaborazione del Museo PAS Martel, sono stati organizzati due laboratori didattici, tenuti dal fumettista Ruggero Soru e dallo stesso Antonio Mallus, cui hanno partecipato gli allievi di una classe quinta elementare e di una prima media dell’Istituto Comprensivo Satta di Carbonia.
Antonio Mallus
Nasce a Quartu Sant'Elena nel 1958. Si diploma nel 1976 presso il liceo Artistico Statale di Cagliari e in seguito si trasferisce a Firenze dove termina gli studi di pittura presso l'Accademia di Belle Arti nel 1980. Ha esposto in mostre personali tra le altre presso la Galleria La Bacheca a Cagliari (1988; 1995); la Galleria d'Arte Novissima a Sassari (1990); il Museo de sa Iscultura a Tortolì (2002). Ha partecipato inoltre in mostre collettive quali a Cagliari a Villa Asquer (1988), La Galleria Comunale d'Arte (1991), Chiostro di San Domenico (1993), ed Exmà (2011); Sassari nell'Istituto d'Arte (1989); Selargius a Casa Falconieri (1992); a Milano nel Centro Sociale e Culturale dei Sardi (1992); a Carbonia, a Villa Sulcis (1994); Orani all'ex Mattatoio (2007); a Villanova Monteleone a Su Palatu (2009); a Toledo nel Centro Culturale San Clemente (2010) e a Bilbao, nel Museo Boinas la Encartada (2011). Attualmente insegna e risiede a Quartu Sant'Elena.