Data:
11-06-2019 21:00 - 22:30

Descrizione

Il teatro è una delle forme espressive che meglio interpretano l’idea di viaggio come momento di conoscenza e scoperta di sé e del mondo che ci circonda: parola e gesto sintetizzano la facoltà dell’essere umano di prendere coscienza delle proprie azioni e nello stesso tempo di porsi come osservatore privilegiato di ciò che lo circonda e lo rende protagonista del vivere quotidiano. Gli spettacoli in cartellone rappresentano quattro modi di interpretare questa idea di scoperta e si intersecano con quanto proposto nella programmazione estiva: due spettacoli di carattere scientifico a completamento della rassegna “Tra scienza e fantascienza”, uno spettacolo “lente di ingrandimento” sullo stato dei diritti fondamentali eppure oggi troppo spesso negati, proposto a corollario della mostra “Exodos/Exit”, ed infine un viaggio-spettacolo alla scoperta della commedia dell'arte, tra maschere, calembour e paradossi.


1106 hackuno spettacolo scritto e diretto da Ivana Ferri
con Laura Curino
musiche Gianluca Misiti e Lucio Dalla
montaggio immagini Gianni De Matteis
direzione tecnica Massimiliano Bressan
organizzazione Mary Rinaldi
segreteria di produzione Vittoria Lombardi
collaborazione tecnica Bruno Perreira
produzione Tangram Teatro Torino 

Nella sua lunga vita Margherita Hack ha riempito auditorium e teatri, diretto un osservatorio, difeso la libertà della scienza, la laicità dello stato e combattuto per la parità dei diritti. Ha saputo coniugare un'importante carriera scientifica nell'astronomia e la passione per la divulgazione affascinando e divertendo milioni di italiani dal vivo o in tv.

Toscana doc e atea convinta, Margherita Hack – “amica delle stelle” come si era essa stessa definita in una sorta di autobiografia pubblicata nel 1998 – ha trascorso buona parte della sua vita a Trieste. Qui ha diretto per oltre 20 anni l'Osservatorio astronomico, portandolo a un livello di rilievo internazionale, ed ha insegnato nell’università dal 1964 al 1992.
Nota al grande pubblico soprattutto per le sue doti di divulgatrice, nel mondo della ricerca ha occupato una posizione di primo piano fin dall’inizio della sua lunga carriera. Celebri anche le sue battute taglienti ed i suoi modi schietti, conditi dal forte accento toscano che non ha mai abbandonato, così come la sua grande gentilezza.
Questo spettacolo è un omaggio e un divertito ricordo della sua originalità e simpatia.

I Martedì del Teatro | altri incontri:



quando

data
11 giugno 2019

oraorario inizio
21.00

dovesede 
Auditorium | Via San Barnaba, 48

bigliettoingresso
libero fino ad esaurimento posti disponibili

informazionialtre informazioni
tel. 02.5796831 | e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.