Data:
09-07-2019 21:00 - 22:30

Descrizione

Il teatro è una delle forme espressive che meglio interpretano l’idea di viaggio come momento di conoscenza e scoperta di sé e del mondo che ci circonda: parola e gesto sintetizzano la facoltà dell’essere umano di prendere coscienza delle proprie azioni e nello stesso tempo di porsi come osservatore privilegiato di ciò che lo circonda e lo rende protagonista del vivere quotidiano. Gli spettacoli in cartellone rappresentano quattro modi di interpretare questa idea di scoperta e si intersecano con quanto proposto nella programmazione estiva: due spettacoli di carattere scientifico a completamento della rassegna “Tra scienza e fantascienza”, uno spettacolo “lente di ingrandimento” sullo stato dei diritti fondamentali eppure oggi troppo spesso negati, proposto a corollario della mostra “Exodos/Exit”, ed infine un viaggio-spettacolo alla scoperta della commedia dell'arte, tra maschere, calembour e paradossi.


0907 starlight


di e con Filippo Tognazzo
prodotto da Zelda - compagnia teatrale professionale
in collaborazione con INAF, Istituto Nazionale di AstroFisica

Lo spettacolo STARLIGHT settemillimetridiuniverso racconta la nascita dell’astrofisica in Italia attraverso il racconto della vita e delle ricerche di alcuni fra i più importanti scienziati del XIX Secolo: Giuseppe Lorenzoni, Pietro Tacchini, Angelo Secchi, Lorenzo Respighi, Giovan Battista Donati, Antonio e Giorgio Abetti, Arminio Nobile.
Sarà, inoltre, l’occasione per offrire uno sguardo nuovo sulla Storia d’Italia fra il Risorgimento e la Grande Guerra, raccontata attraverso le vicissitudini e la passione di uomini che hanno trovato nella ricerca scientifica e nell’astronomia la loro ragione di vita.
Sette millimetri, come il pesce più piccolo del mondo lo Stout infantfish, il pesce bambino. Sette millimetri come il calibro dei proiettili del Mauser K98k dell’esercito di Hitler, più o meno come lo spessore di un Iphone. Sette millimetri bastano a capire l’Universo?
Sette millimetri; la massima dilatazione di una pupilla, la misura aurea dell’osservazione. Pupilla, ovvero bambolina, a causa del piccolo riflesso di noi stessi che vediamo negli occhi di chi ci sta di fronte. Prima dei selfie, prima ancora degli specchi, è stata la pupilla a farci conoscere e riconoscere nel mondo.

foto di Andrea Signori



quando

data
9 luglio 2019

oraorario inizio
21.00

dovesede 
Auditorium | Via San Barnaba, 48

bigliettoingresso
libero fino ad esaurimento posti disponibili

informazionialtre informazioni
tel. 02.5796831 | e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.