PIONIERI DI ARDITEZZE SOCIALI

Formazione, lavoro ed emancipazione in Italia nella storia della Società Umanitaria (1893-2018)

logo125

MOSTRA STORICO-DOCUMENTARIA E CICLO DI INCONTRI

MILANO, CIVICHE RACCOLTE STORICHE
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, Via S. Andrea, 6 (ingresso mostra Via Bagutta, 24)
Palazzo Moriggia | Museo del Risorgimento, Via Borgonuovo, 23 


8 marzo - 6 maggio 2018
da martedì a domenica, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30


Intervento di Alberto Jannuzzelli
Presidente della Società Umanitaria
 Italiano

La Società Umanitaria, ente filantropico milanese istituito nel 1893, si è caratterizzata come un laboratorio di sperimentazione e di promozione sociale per l’emancipazione dei lavoratori, attraverso un progetto articolato ed innovativo, modulato da un gruppo dirigente eterogeneo ed illuminato, che rivoluzionò il vecchio concetto di beneficenza elemosiniera in un programma riformista di assistenza laica e moderna. Un programma che anticipò quanto è scritto nella nostra Costituzione: "rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che impediscono il pieno sviluppo della persona umana".

Una storia unica che, in occasione del 125° anniversario, viene presentata alla città nelle sedi di Palazzo Moriggia e di Palazzo Morando, grazie alla collaborazione con la Società Mutuo Soccorso "Cesare Pozzo": un partner autorevole, il cui percorso compendia ideali comuni e valori-guida condivisi. Un racconto sintetico di vicende e iniziative del Novecento italiano illustrate attraverso un apparato iconografico suggestivo - frutto di una meticolosa disamina di documenti contenuti in 1.500 faldoni d'archivio - che scuote le coscienze e suscita emozioni, attraverso le immagini di uomini, donne e bambini, che scorrono nitide come in un'unica pellicola fotografica.

Cooperazione, edilizia popolare, difesa dei diritti dei lavoratori della città e delle campagne, assistenza agli emigranti e ai profughi, educazione degli adulti, formazione e crescita professionale, divulgazione ed elevazione culturale sono i principali ambiti d’azione su cui l’Umanitaria ha dato la propria originale e multiforme impronta: sempre nel segno della solidarietà e del mutuo soccorso, irradiando la propria azione dal capoluogo lombardo fino a raggiungere una dimensione nazionale e internazionale grazie alla creazione, negli anni, di una vasta rete di uffici e sedi distaccate sparse in tutta l’Italia e all’estero.

Grazie ai pionieri di arditezze sociali, grazie alla sinergia con i soggetti pubblici e privati del tempo (amministrazioni e istituti bancari, associazioni e organismi sindacali, mondo cooperativo e imprese), l'opera della Società Umanitaria ha permesso al nostro Paese di cambiare la propria legislazione in fatto di educazione, di diritto al lavoro, di lotta all'emarginazione, sviluppando una politica di welfare tuttora attuale.

In questa sede, la storia dell’Umanitaria si rivela attraverso una cronologia analitica che scorre lungo le pareti delle sale espositive, dove sono stati individuati dei focus tematici per raccontare visivamente le iniziative più importanti intraprese nel mondo del Lavoro, dell’Educazione e dell’Assistenza (le tre sezioni in cui è suddivisa la mostra a Palazzo Moriggia): una sintesi del work in progress di un Ente che ancora oggi continua la strada intrapresa dalle origini.

Questa storia è il fondamento delle nostre attività e il punto di partenza per costruire il futuro.


ANTICIPATING THE FUTURE

Education, work and emancipation in Italy through the history of the Società Umanitaria (1893-2018)


Text by Alberto Jannuzzelli
President of Società Umanitaria
english

A philanthropic institution created in Milan in 1893, the Società Umanitaria particularly developed as a laboratory of experimentation and social promotion for the emancipation of workers, between a reformist program of lay and modern assistance, which anticipated the intention to "remove those obstacles of an economic and social nature that impede the full development of the human person" later stated in the Constitution of the Italian Republic.

The Palazzo Moriggia and Palazzo Morando venues will host the Umanitaria’s unique history and present it to the city on the occasion of its 125th anniversary. A concise narration of the events that marked Italian history during the twentieth century relies on an evocative iconographic apparatus resulting from the painstaking review of 1,500 archive files. Like a very long film, these crisp images of men, women and children will stir the visitors’ conscience and inspire their emotional feedback.

In this venue, the Umanitaria’s history will be revealed through an analytic timeline articulated along the walls of the exhibition rooms where a range of selected themes will illustrate the main initiatives promoted in the fields of Work, Education and Assistance (the three sections of the exhibition at Palazzo Moriggia). This is just a summary of the continuing work this Institution is still developing as a continuation of its original trajectory.

This history is the bedrock for our activities and a stepping stone into the future.


La mostra ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica

medaglia presidente